WeRunRome 2016 – 10k

Buon anno a tutti! Speriamo il 2017 sia un anno di successi, non solo di corsa, ma soprattutto professionali. Perdonerete la mia assenza prolungata dal blog: purtroppo gli impegni di studio e le vacanze natalizie hanno ritardato di parecchio la pubblicazione di nuovi contenuti. Nel precedente articolo mi ero ripromesso di parlare un po’ delle mie abitudini di allenamento. Tuttavia, credo sia di buon auspicio aprire con un articolo su una gara da poco disputata, ovvero la WeRunRome del 31 dicembre.

La WeRunRome è arrivata alla sua VI edizione. Organizzata dal comitato Atleticom e sponsorizzata dalla Nike, è una gara che attraversa le vie storiche della capitale: partenza in prossimità delle Terme di Caracalla, si passa il Circo Massimo, si attraversa Via del Corso, Piazza di Spagna, Piazza del Popolo, si sale verso il Pincio e si riscende verso Via Veneto, si fiancheggia il Colosseo e ci si ferma di nuovo davanti alle terme. Si ha la possibilità di prendere parte o alla 10k competitiva o ad una 5k aperta a tutti.

Non ho avuto moltissimo tempo per allenarmi specificamente per questa gara, soprattutto perché sono già alla quarta settimana di preparazione per una mezza maratona che spero di correre ad Aprile (preferisco ancora non svelarvi quale). Dopo la 10k del Trofeo Telesia dello scorso 19 Giugno, è stata la mia seconda gara breve corsa nel 2016. Scegliendo di partecipare a questo evento, tra l’altro, ho trovato anche una buona giustificazione per trascorre una vigilia di capodanno diversa dal solito.

Come è ormai di prassi, ho preferito stare fermo due giorni prima della gara, sia per recuperare dalle fatiche muscolari, sia perché il viaggio rappresenta un accumulo di stress e di tossine che non favorisce l’allenamento. Quindi, meglio godersi qualche passeggiata nel centro di Roma!

Passando all’argomento gara, comincerei dal costo dell’iscrizione. Mi sono iscritto molto presto, se non ricordo male verso la fine di ottobre. La volontà era soprattutto quella di migliorare la resistenza sul breve e alzare un po’ i ritmi di corsa. Il costo totale in quel periodo era di 20 Euro, non proprio economico se consideriamo che il prezzo medio per una mezza maratona in Italia si aggira intorno ai 20-25 Euro.

Ho ritirato il pacco gara nella giornata del 30 dicembre. Fortunatamente la folla non era eccessiva e i tempi sono stati accettabili. Il pacco gara a fronte del costo è stato deludente. Esclusa la maglia tecnica DryFit della Nike e la classica sciarpa della Telethon, ho trovato all’interno perlopiù degli sconti su bibite e pubblicità della HelloBank! Purtroppo ci sono gare, anche provinciali, che offrono molto di più (personalmente piuttosto che sconti, amo trovare nei pacchi gara prodotti alimentari tipici).

L’orario di partenza della gara è stata fissata alle 14 per permettere di correre ad una temperatura mite e probabilmente per non mandare completamente in tilt il traffico romano. Come al solito, il clima a Roma è stato perfetto, quasi primaverile. Il tempo di rifornirsi con un bel panino con bresaola e poi mi sono subito cambiato. Qualcuno ha anche azzardato la canotta da gara. Io ho preferito correre con una maglia termica e la classica t-shirt da running.

Devo dire che l’opportunità di riscaldarsi su una pista di atletica è stata ottima. Nonostante l’alto numero di partecipanti (si è arrivati alla cifra record di 10.000 iscritti) si è potuti godere dello spazio adeguato per una corsa lenta di preparazione e qualche allungo. Inoltre, i ragazzi dell’Atleticom hanno offerto un riscaldamento organizzato con tanto di squat e affondi, a cui, da buon runner affezionato alle sue abitudini di allenamento, non ho partecipato.

Finito il riscaldamento ci siamo apprestati alla linea di partenza. Qui sono cominciati i primi problemi. Ho capito la distribuzione in griglie solo all’ultimo momento e individuare la griglia di appartenenza non è stato affatto semplice. Credo che per questo motivo la gara sia alla fine partita con 10 minuti di ritardo. Ciò ha di fatto vanificato qualsiasi possibile effetto del riscaldamento precedente. Partire a freddo non è certo il massimo.

Bhè cosa dire del percorso…semplicemente fantastico! Correre tra gli splendidi monumenti di Roma con migliaia di spettatori non è cosa di tutti i giorni. In alcuni passaggi, specie quello in Piazza di Spagna e Via del Corso, è difficile rimanere concentrati 100% sul ritmo gara. Ma questo è proprio il bello di correre questo tipo di gare. In fondo, conta l’esperienza e solo alla fine il tempo con cui si chiude. La parte più complicata del percorso è sicuramente la salita del Pincio. L’elevato dislivello costringe a un dispendio di energie non indifferente. Per questa ragione, durante i primi 4km di gara ho preferito non alzare eccessivamente il ritmo per non rischiare di collassare durante la salita!

Purtroppo non posso dire lo stesso ancora una volta sull’organizzazione in sé. Più di una volta ho visto decine di persone attraversare da destra a sinistra il tracciato di gara. Cosa che mette a rischio l’incolumità di chi corre e sicuramente non trasmette (soprattutto in questo periodo) una grande idea di sicurezza generale.

Al pari del pacco gara, i servizi al ristoro finale sono stati pressoché nulli. Mi hanno offerto una mela e una bottiglietta d’acqua. Nessuna medaglia. Si sa noi runners ci iscriviamo alle gare soprattutto per fare collezione di questi magnifici oggetti di plastica o di metallo. Una gara senza medaglia lascia sempre un senso di incompiutezza. A dispetto di ciò, sono stato felice di concludere la gara abbassando di ben 5 minuti il mio personal best.

Per concludere, bella gara, bello il percorso, mi auguro, però, che nelle edizioni successive si migliori dal lato organizzativo, soprattutto tenendo conto delle ambizioni che almeno nelle sue dichiarazioni l’Atleticom si prefigge di perseguire.

Finita la gara, è iniziata l’ora del fatidico cenone. E diciamolo pure chiaramente: mangiare dopo aver disputato una gara, seppur breve, non ha prezzo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...